Studio Legale
Effettua una ricerca nelle Notizie/Rassegna Stampa
14 GIUGNO 2011 - LA SENTENZA. GARA NEGATA, L'ENTE PAGHERA'.
14 GIUGNO 2011 - LA SENTENZA. GARA NEGATA, L'ENTE PAGHERA'.

   

GARA NEGATA, L’ENTE PAGHERA’

MANUTENZIONI RETI IDRICHE, IL TAR RICONOSCE 60MILA EURO DI DANNI ALLA «LUCENTE» ALTRA CAUSA MILIONARIA DA «ACCIONA». I GIUDICI: ECCESSO DI POTERE E ATTI ILLEGITTIMI

 

 

Le 40 pagine di motivazione a firma dell'amministratore dell'Aqp sono state smontate con tre parole dal Tar: eccesso di po­tere, travisamento e illogicità. Sulle contestate gare per la manutenzione idrica, negate tra anni fa a un'associazione temporanea di imprese costituita dagli spa­gnoli di Acciona e dai baresi della «Lucente», i giudici amministra­tivi presentano il conto all'Aqp accogliendo i ricorsi delle due im­prese. Diecimila euro per danno di immagine e il 2 per cento per danno curriculare sull'importo di gara in quota proporzionale alla partecipazione dell'azienda barese al raggruppamento oltre a 8mi­la euro di spese. Tirate le somme, questo scherzetto costerà alle cas­se dell'azienda pubblica dell'ac­qua qualcosa come 60mila euro. Per ora.  Perchè se «La Lucente» ha chiesto solo un tipo di danni, gli spagnoli di «Acciona» (che si sono limitate a chiedere l'annullamen­to degli atti) probabilmente inten­teranno come associazione di im­prese una causa per risarcimento che, in questi caso, rischia di at­testarsi intorno al 5-10 per cento dell'importo globale di aggiudica­zione pari a circa 20 milioni. Tutto parte da un decreto pe­nale di condanna (15mila di vecchie lire) dell'amministratore del­la «Lucente», Giuseppe Volpe, ri­salente al 1994 per una omessa consegna del prospetto paga, poi revocato dal gip di Brindisi nell'ottobre del 2007 nonché da (presunte) violazioni contributive essere state poi accertate inesi­stenti in quanto l'impresa è ri­sultata in regola. Nel dettaglio, questi due elementi erano stati utilizzati - dalla concorrenti e dal­la stessa Aqp - come leva per far escludere la società (quindi l'Ati) dal ricco appalto consistente in due lotti di lavori per complessivi 20 milioni di euro (prezzo di ag­giudicazione). Invece, Aqp preferì pagare di più: a seguito dello sfrat­to dei vincitori, le gare vennero infatti dichiarate deserte e riaggiudicate ad altre imprese attra­verso nuovi bandi: due appalti da 24 milioni andarono all'Ati «Ruta srl (mandataria» con un ribasso dell'1.69% - e 0,69% per un altro ambito territoriale -) e un terzo da 13 milioni a Conscoop. Per gli stes­si lavori gli spagnoli avevano pro­posto un ribasso del 13%. A conti fatti, l'Aqp si è accollato non meno di 5 milioni di ulteriori costi. L'ente si è così avventurato in un contenzioso che lo ha visto soc­combere al Consiglio di stato da cui è arrivato un ordine di revi­sione di quella decisione soprat­tutto alla luce delle informazioni fornite dalla «Lucente» e da «Ac­ciona». Ma l'amministratore di Aqp, l'anno scorso, ha ribadito l'esclusione.

Il ragionamento della I sezione del Tar (presidente Corrado Allegretta, relatore Francesco Cocomile) che ha portato all'acco­glimento del ricorso della Lucente (assistita dall'avvocati Giacomo Valla) e di «Acciona» (avv. Giovanni Vittorio e Sante Nardelli) muove da elementi logici e di fatto che fanno desumere una sorta di «accanimento» nei confronti della Lucente, azienda peraltro affida-taria di altro servizio da parte di Aqp in epoca successiva alla gara contestata. Insomma due pesi e due misure che lasciano aperti di­versi interrogativi a cui, proba­bilmente, dovranno trovare rispo­ste i vertici di Aqp. Il Tar, come già detto, ha ri­conosciuto in via equitativa un danno di immagine per circa l0mila euro, nonché uno curri­culare: si tratta, in questo caso, di un danno che consiste nell'impos­sibilità da parte della «Lucente» di poter vantare nel proprio curri­culum di lavori come quello che le sarebbe spettato a seguito della commessa di Aqp. L'impresa ba­rese, leader nel servizio di pulizie e sanificazione e con una storia di circa 90 anni (oltre 2mila dipen­denti), aveva partecipato alla com­messa con un impegno pari a cir­ca 2 milioni di euro. E il 2 per cento del prezzo di aggiudicazione è il riferimento applicato dal Tar per questo tipo di danno: facendo due calcoli, poco meno di 40mila euro a cui vanno aggiunti i l0mila di danno di immagine e gli 8mila di spese. Se Aqp vorrà potrà indub­biamente fare appello al Consiglio di stato: ma deve tener conto dell'altro giudizio che Acciona si prepara ad avviare.

Scarica l'allegato in PDF


Autore / Fonte: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - 14 GIUGNO 2011 -AVVOCATO GIOVANNI VITTORIO NARDELLI Studio Legale Nardelli

Avvocato Sante NARDELLI
Diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto civile, diritto processuale amministrativo e civile, diritto societario, diritto delle successioni, diritto di famiglia, diritto stragiudiziale. Patrocinante dinanzi alla Corte di Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti, altre Magistrature Superiori.

Avvocato Giovanni Vittorio NARDELLI
Diritto amministrativo, diritto processuale amministrativo, diritto degli appalti, diritto dell'energia, diritto dell'edilizia e dell'urbanistica, diritto dell'ambiente e smaltimento dei rifiuti, diritto del commercio, diritto civile, diritto processuale civile. Diritto Tributario. Patrocinante dinanzi alla Corte di Cassazione, Consiglio di Stato, altre Magistrature Superiori, Tribunale Amministrativo Regionale, Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile. Continua

Avvocato Maria Giulia NARDELLI
Diritto civile, diritto processuale civile, diritti delle persone e delle successioni, diritto di famiglia. Fondazioni, associazioni, enti senza fine di lucro, contratti civili, tipici ed atipici. Diritto ecclesiastico. Diritto canonico. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Dora NARDELLI
Diritto civile, diritto processuale civile, diritti delle persone e delle successioni, diritto di famiglia. Fondazioni, associazioni, enti senza fine di lucro, contratti civili, tipici ed atipici. Diritto ecclesiastico. Diritto canonico. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Antonio DENORA
Diritto civile, diritto processuale civile, diritto societario, diritto fallimentare e procedure concorsuali. Diritto del lavoro. Concorrenza. Diritto delle successioni, diritto di famiglia. Diritti delle persone e risarcimento del danno. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile. Continua

Avvocato Roberto SAVINO
Diritto civile, diritto processuale civile, diritto bancario, diritto societario, diritto fallimentare e procedure concorsuali. Diritto del lavoro. Concorrenza. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Marco Maria TRAETTA
Diritto civile, diritto processuale civile. Diritti delle persone e risarcimento del danno. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.