Studio Legale
Effettua una ricerca nelle Notizie/Rassegna Stampa
13 APRILE 2011 - LE DITTE IN REGOLA. IL TAR: AQP RISARCISCA. i Giudici hanno dato ragione alla spagnola Acciona ed alla barese Lucente che erano state esckuse per questioni ''sanabili''.
13 APRILE 2011 - LE DITTE IN REGOLA. IL TAR: AQP  RISARCISCA. i Giudici hanno dato ragione alla spagnola Acciona ed alla barese Lucente che erano state esckuse per questioni ''sanabili''.

 

APPALTI IDRICI

CONTENZIOSO SULLA MANUTENZIONE ACCOLTI I RICORSI

 

I giudici hanno dato ragione alla spagnola Acciona e alla barese Lucente che erano state escluse per questioni «sanabili»

L’Aqp ha rifatto le gare aggiudicando i lavori ad altre ditte che hanno proposto un ribasso molto contenuto, quindi con costi più alti

 


 

«Le ditte in regola» Il Tar: Aqp risarcisca Errore sulle gare da 37 milioni, l'ente pagherà i danni

• Alla fine l'Aqp pagherà il conto. E sarà piuttosto salalo. La cifra non è ancora scritta, ma l'unica certezza resta la decisione del Tar che lunedì scorso ha accolto i ricorsi su tre maxi appalti di Aqp da 37 milioni banditi nel 2006 fa per la manutenzione della rete idrico e fognaria in altrettanti ambiti territo­riali pugliesi. Il dispositivo di sentenza dei giudici amministrativi della I se­zione (presidente Corrado Allegretta, relatore Francesco Cocomile), per ora si limita a statuire le spese - circa 5Omila euro riservandosi di quan­tificare il danno da risarcire solo alla barese «La Lucente» (in associazione temporanea con "Acciona Agua»), en­trambi escluse da quei lavori. Per conoscere nel dettaglio la decisione bisognerà attendere il deposito delle motivazioni.

I fatti. Verso la fine del 2006. l'Aqp bandisce tre gare quadriennali per la manutenzione delle reti idriche che vengono aggiudicate prima a «Ruta» e ad altre ditte, poi agli spagnoli (in Ati con i baresi della Lucente), succes­sivamente anch'essi esclusi per una presunta irregolarità nel «durc» (il do­cumento di regolarità contributiva): sotto accusa è un precedente molto vecchio dell'amministratore della sto­rica impresa barese condannato a 15mila di vecchie lire di multa per una omessa consegna di un libro paga. A ciò si aggiungono anche una serie di pre­sunte irregolarità contributive. Nel frattempo. le gare vengono dichiarate deser­te e aggiudicate ad altre imprese attraver­so nuovi bandi: due appalti da 24 milioni vanno all'Ati «Ruta srl (mandataria» con un ribasso dell'1.69% - e 0.69% per un altro am­bito territoriale -) e un terzo da 13 milioni a Conscoop. Per gli stessi lavori gli spagnoli avevano proposto un ri­basso del 13%. A conti fatti. l'Aqp si accolla non meno di 5 milioni di ul­teriori costi.

Intanto inizia la battaglia nelle sedi amministrative: i ricorsi vanno avanti e al rigetto del Tar Bari nel 2008. si contrappone una articolata sentenza della sesta sezione del Consiglio di stato (presidente Giovanni Roppoli, rela­tore Rosanna De Nictolis) un anno dopo. In un provvedimento di 36 pagine che ribalta le sentenze del Tar. vengono accolti i sei ricorsi delle due imprese (gli spagnoli di Acciona e la barese La Lucente) sui tre appalti contestati da 37 milioni. Palazzo Spada giudica insom­ma eccessive le conclusioni di Aqp, cui viene rivolto l'invito di rivedere i propri provvedimenti alla luce di un'istrut­toria.

Scrivono ì giudici, tra le altre cose che «gli atti istruttori appaiono perplessi e carenti laddove affermano in via ipo­tetica, utilizzando il verbo al condi­zionale, violazioni gravi degli obblighi contributivi, senza indicare né la fonte della notizia (che non risulta dai d.u.r.c agli atti), né la effettiva sussistenza delle violazioni». E ancora: «In stazione appaltante, a fronte di d.u.r.c. (il do­cumento di regolarità contributiva, ndr) che attestavano la non regolarità alla data di presentazione della can­didatura e alla data di presentazione dell'offerta, doveva accertare il tenore della irregolarità, per verificare se fosse o meno grave». Gli appalti proseguono (sono ormai in scadenza) e l’Aqp inizia le sue verifiche.  Gli accertamenti si protraggono per più di un anno (371 giorni per l'esattezza) comportando missio­ni per i funzionari del­l'ente pubblico presso le diverse sedi Inps che avevano dato atto sin da ottobre del 2009 della regolarità contri­butiva dell'impresa LaLucente.

Ma la singolarità sta in un'ambiguità di decisioni di Aqp. Ad agosto del 2010 con un provvedimento a sua firma l’amministratore unico di Aqp Ivo Monteforte conferma in un documento di 45 pagine - le valutazioni negativa   dell'ente  nei confronti della Lucente (e dell'e­sclusione insieme agli spagnoli) mentre un mese do­po - a settembre del 2010 proprio l'Aqp aggiudica   un   appalto alla stessa Lu­cerne. impresa un mese prima di chiarata «irregolare».

Insomma, il classico autogol che fornisce alle difese delle imprese. l'avvocato Giacomo Valla per La Lucente e l'avvocato Giovanni Vit­torio Nardelli per gli spagnoli di Acciona (da non confondersi con l’avv. Giovanni Nardelli difensore di Aqp) un imper­dibile assist per rafforzare le proprie tesi e consolidare talune valide argomentazioni di me­rito. Adesso, però, la palla dovrà ne­cessariamente tornare al Consiglio di stato per decidere sulla seconda parte del contenzioso, quello cioè che ha riguardato le nuove gare bandite all’indomani di quelle andate de­serte per scelte ora giudicate ille­gittime. Una questione che rischia di aprire un nuovo fronte con <> la società spagnola (di cui è country manager per l'area Italia, l'ing. Luigi Patimo di Gravina di Puglia) che potrebbe promuovere un'azione autonoma di risarcimento danno. La vicenda appalti Aqp ha comportato - finora - 22 giudizi di­nanzi al Tar e 9 al Consiglio di stato. Ricorsi per cui Aqp ha pagato par­celle. Il conto è ancora aperto. Il conto è ancora aperto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarica l'allegato in PDF


Autore / Fonte: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - 13 APRILE 2011- AVVOCATO NARDELLI

Avvocato Sante NARDELLI
Diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto civile, diritto processuale amministrativo e civile, diritto societario, diritto delle successioni, diritto di famiglia, diritto stragiudiziale. Patrocinante dinanzi alla Corte di Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti, altre Magistrature Superiori.

Avvocato Giovanni Vittorio NARDELLI
Diritto amministrativo, diritto processuale amministrativo, diritto degli appalti, diritto dell'energia, diritto dell'edilizia e dell'urbanistica, diritto dell'ambiente e smaltimento dei rifiuti, diritto del commercio, diritto civile, diritto processuale civile. Diritto Tributario. Patrocinante dinanzi alla Corte di Cassazione, Consiglio di Stato, altre Magistrature Superiori, Tribunale Amministrativo Regionale, Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile. Continua

Avvocato Maria Giulia NARDELLI
Diritto civile, diritto processuale civile, diritti delle persone e delle successioni, diritto di famiglia. Fondazioni, associazioni, enti senza fine di lucro, contratti civili, tipici ed atipici. Diritto ecclesiastico. Diritto canonico. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Dora NARDELLI
Diritto civile, diritto processuale civile, diritti delle persone e delle successioni, diritto di famiglia. Fondazioni, associazioni, enti senza fine di lucro, contratti civili, tipici ed atipici. Diritto ecclesiastico. Diritto canonico. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Antonio DENORA
Diritto civile, diritto processuale civile, diritto societario, diritto fallimentare e procedure concorsuali. Diritto del lavoro. Concorrenza. Diritto delle successioni, diritto di famiglia. Diritti delle persone e risarcimento del danno. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile. Continua

Avvocato Roberto SAVINO
Diritto civile, diritto processuale civile, diritto bancario, diritto societario, diritto fallimentare e procedure concorsuali. Diritto del lavoro. Concorrenza. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.

Avvocato Marco Maria TRAETTA
Diritto civile, diritto processuale civile. Diritti delle persone e risarcimento del danno. Patrocinante dinanzi alla Corte di Appello e Tribunale Ordinario Civile.